La doppia anima del tabù

Mercoledì 18 ottobre 2017 ore 15:00

Incontro con Massimo Recalcati

Introduce e modera Andrea Simoncini, docente di Diritto costituzionale presso l'Università degli Studi di Firenze

 

Per facilitare l'organizzazione e l'accesso alla sala,
si prega di confermare la presenza scrivendo a: info@librerieuniversitarie.com

Massimo Recalcati,
I tabù del mondo.
Figure e miti del senso del limite e della sua violazione
Einaudi, 2017

Il libro

In un'analisi lucida e appassionata, Recalcati ci dice che dobbiamo distinguere due versioni del tabú: «da una parte la sua forma semplicemente ideologico-superstiziosa; il tabú come luogo di restringimento e oppressione della vita.
Dall'altra una forma del tabú come ammonimento e indice simbolico - memoria della Legge della parola -, segno che la vita non ci appartiene mai come una semplice presenza di cui siamo proprietari, ma è qualcosa che porta con sé la cifra - trascendente e impossibile da svelare - del mistero».

Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabú. Non esiste piú un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. La disinibizione diffusa ha preso il posto della reverenza passiva e sacrificale di fronte alle nostre vecchie credenze. Ma i tabú devono semplicemente essere smantellati dalla nuova ragione libertina che caratterizza il nostro tempo oppure conviene provare a ripensarli criticamente senza nutrire alcuna nostalgia per il passato? Ci sono parole chiave come preghiera, lavoro, desiderio, colpa, eutanasia, famiglia, che sono state in modi diversi associate ai tabú e che esigono oggi di essere riattraversate criticamente. Vi sono anche figure mitologiche, storiche o letterarie che sono divenute crocevia essenziali della nostra storia individuale e collettiva e che ci spingono a incontrare in modo nuovo lo spigolo duro del tabú: Ulisse, Antigone, Edipo, Medea, Amleto, Isacco, Don Giovanni, Caino. Dal riferimento a grandi autori dell'Occidente - da Platone a Hegel, da Dostoevskij a Sartre, da Freud a Lacan, da Marx a Calvino, da Molière a Beckett - cosí come nelle miserie della nostra vita quotidiana, Recalcati rintraccia la sparizione del tabú e l'apparizione delle sue nuove maschere.

---
Massimo Recalcati psicoanalista, fondatore di Jonas Onlus, direttore scientifico della Scuola di specializzazione in psicoterapia IRPA, membro fondatore e membro analista ALIpsi. Insegna Psicopatologia del comportamento alimentare presso l’Università degli Studi di Pavia. È responsabile del Laboratorio di psicoanalisi e scienze umane dell’Università degli Studi di Verona. Dirige la Collana di Studi di psicoanalisi applicata Jonas, presso la Franco Angeli. Dirige la collana Eredi dal 2014 per Feltrinelli e la collana Studi di Psicoanalisi dal 2015 per la casa editrice Mimesis.

Andrea Simonciniè professore ordinario di Diritto costituzionale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università di Firenze. Insegna diritto costituzionale, diritto dell'ambiente e diritto regionale presso la Scuola di Giurisprudenza e istituzioni di diritto pubblico presso la Scuola di Economia e Management. È stato "Fulbright Distinguished Fellow" presso la Notre Dame Law School e visiting professor al Nanovic Institute for European Studies. Attualmente è visiting professor presso la Notre Dame Law School. E' stato assistente di studio del Professor Ugo De Siervo presso la Corte costituzionale tra il 2002 e il 2003. 

Lascia un commento